Partigiana, madre costituente, presidente della Camera. Nilde, storia di una donna straordinaria – Ilaria Romeo

Laureata in lettere e filosofia (il padre, un sindacalista socialista che faceva il deviatore alle Ferrovie e che durante la dittatura era stato perseguitato dai fascisti aveva voluto che la figlia studiasse) all’Università Cattolica di Milano con una tesi dal titolo “L’attuazione delle riforme in Reggio Emilia nella seconda metà del secolo XVIII” ed insegnante in un istituto tecnico industriale di Reggio Emilia, Leonilde, per tutti Nilde, dopo l’8 settembre 1943 entra nelle file della Resistenza operando nei Gruppi di difesa della donna.

Segretaria dell’Udi a Reggio Emilia, è tra le 21 elette il 2 giugno 1946 all’Assemblea costituente.

costituente

Nel Partito comunista entra a far parte degli organismi dirigenti nazionali e, nel 1948, è eletta per la prima volta alla Camera dei deputati. Riconfermata per le successive legislature – unico parlamentare italiano ad essere stato eletto ininterrottamente per 13 volte (14, contando anche l’Assemblea costituente) – il 29 giugno 1979 ne è eletta, prima donna nella storia, presidente.

Manterrà la carica fino al 1992, lavorando ininterrottamente sino al 18 novembre 1999, quando, già gravemente malata (morirà poco più di due settimane dopo), si dimetterà tra gli applausi unanimi dell’intero schieramento parlamentare.

“Le confermo il sentimento di gratitudine del popolo italiano”, le scriverà l’allora il presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. E D’Alema da Istanbul: “Voglio sottolineare l’appassionato lavoro parlamentare degli ultimi anni per le riforme: Nilde Iotti si è conquistata sul campo il prestigio riconosciuto da tutte le forze politiche. Oggi si aggiunge la nobiltà di un atto che colpisce e dispiace per le condizioni di salute che lo motivano, ma le cui ragioni ideali esprimono la coerenza di fondo con una concezione alta della politica e delle istituzioni”.

Diceva in occasione del decimo anniversario della sua morte il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano: “Nilde Iotti, con la quale ho condiviso una lunga attività parlamentare e intrattenuto un rapporto di feconda amicizia, ha rappresentato un esempio altissimo di rigore morale, di forte passione civile, di intelligente e totale impegno al servizio delle istituzioni del paese. Nella sua vicenda umana e politica si riflette la storia stessa dell’Italia repubblicana, che ella ha accompagnato nel cammino di ricostruzione e di sviluppo dai banchi dell’Assemblea costituente e poi della Camera dei Deputati, di cui per lungo tempo fu presidente unanimemente apprezzata, garanzia di libero confronto per tutti i gruppi politici. La lezione politica di Nilde Iotti, anche nella costante affermazione del principio costituzionale dell’uguaglianza della donna nella società, nel lavoro e nelle professioni, mantiene oggi intatta tutta la sua forza e attualità, e la manifestazione di oggi costituisce un giusto riconoscimento ad una eredità che è patrimonio dell’intero paese”.

Scriveva su «l’Unità» del 3 dicembre 2015 in occasione del 16° anniversario della scomparsa Livia Turco, presidente della Fondazione a lei dedicata: “Nella  sua vita ha conosciuto le fatiche, la fierezza, l’amore intenso e l’intenso dolore, l’amore per la figlia Marisa e per i nipoti, la grande passione per la politica dove ha saputo essere innovatrice, intransigente e madre generosa […] Si occupò con particolare dedizione dei temi del Diritto di famiglia, delle pensioni alle casalinghe,  del divorzio assumendo come riferimento  l’idea di famiglia come comunità di affetti […] Nel 1979 viene eletta, prima donna, presidente della Camera. Nel suo discorso di insediamento dedicò le sue prime parole alle donne italiane, cui rimase sempre profondamente legata e fedele […] Alle donne in particolare insegnava l’eleganza della politica, che doveva nutrirsi di cultura, ricercare e promuovere il bene comune, essere capace di ascolto”.

“Onorevoli colleghi – affermava Nilde il 20 giugno 1979 in occasione della sua nomina a presidente della Camera dei deputati – con emozione profonda vi ringrazio per avermi chiamato col vostro voto e con la vostra fiducia a questo compito così ricco di responsabilità e di prestigio. Voi comprenderete, io credo, la mia emozione. In questo alto incarico mi ha preceduto l’onorevole Pietro Ingrao, che fino a ieri ha diretto i nostri lavori con grande intelligenza e imparzialità, e prima ancora l’onorevole Sandro Pertini, oggi presidente della Repubblica, a cui va il mio deferente saluto. Ma in particolare comprenderete la mia emozione per essere la prima donna nella storia d’Italia a ricoprire una delle più alte cariche dello Stato. Io stessa – non ve lo nascondo – vivo quasi in modo emblematico questo momento, avvertendo in esso un significato profondo, che supera la mia persona e investe milioni di donne che attraverso lotte faticose, pazienti e tenaci si sono aperte la strada verso la loro emancipazione. Essere stata una di loro e aver speso tanta parte del mio impegno di lavoro per il loro riscatto,  per l’affermazione di una loro pari responsabilità sociale e umana, costituisce e costituirà sempre un motivo di orgoglio della mia vita”.

Il suo messaggio di una politica bella, pulita, onesta, ricca di cultura continua ad essere per noi tutte un di riferimento.

La sua foto campeggia nella Sala delle donne di Montecitorio, dove dal 2016 vengono ricordate attraverso fotografie le donne che hanno fatto parte delle istituzioni repubblicane.

Ci sono i ritratti delle 21 costituenti; delle prime dieci sindache elette nel corso delle elezioni amministrative del ‘46; della prima presidente della Camera; della prima Ministra, Tina Anselmi (“Ho vivo il ricordo in quei primi anni da parlamentare –  dirà – della solidarietà e della passione che mettemmo per raggiungere i nostri obiettivi, noi donne di partiti diversi, e spesso, come ho già detto, la comunanza politica si trasformava in profonda amicizia. Come è accaduto con Nilde Iotti, che fu una grande militante del Pci ed in seguito una autorevole presidente della Camera. Piena di intelligenza politica e di dignità, è stata una donna che ha lasciato un segno”); della prima Presidente di Regione, Anna Nenna D’Antonio.

Nella sala ci sono ancora due specchi (nel 2016 gli specchi erano tre) per ricordare che in Italia non ci sono mai state donne che hanno avuto il ruolo di premier o presidente della Repubblica. Sotto gli specchi la scritta Potresti essere tu la prima, per rimarcare un’assenza, per indicare un percorso da compiere ma anche per ricordare alle donne che vedranno la propria immagine riflessa negli specchi, che potrebbero essere le prime a ricoprire tali cariche.

Soltanto in cinque casi la Presidenza della Camera è stata affidata a una donna (Nilde Iotti per tre legislature, Irene Pivetti e Laura Boldrini), in un solo caso la Presidenza del Senato (Maria Elisabetta Alberti Casellati).

Su oltre 1500 incarichi di ministro assegnati in 70 anni di storia repubblicana le donne ne hanno ottenuti poco più di 80 (dei quali la metà senza portafoglio).

Nessuna donna ha mai rivestito l’incarico di ministro dell’Economia e delle finanze, nessuna donna – dicevamo  – è stata mai investita della carica di presidente del Consiglio o è mai stata eletta presidente della Repubblica (nel 1987 la Iotti ebbe un incarico esplorativo di formazione del governo, che non ottenne risultato: sarebbe stata l’unica donna capo del governo della storia italiana).

Considerato che le donne in Italia rappresentano più di metà dell’elettorato attivo, il 42% dei lavoratori, il 57,2% dei laureati ed il 41% della produzione del Pil nazionale, verrebbe ancora una volta da chiederci, e sono certa che Nilde lo farebbe insieme a noi, se non ora, quando?

Ilaria Romeo, Archivio Storico Cgil

Un pensiero riguardo “Partigiana, madre costituente, presidente della Camera. Nilde, storia di una donna straordinaria – Ilaria Romeo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...