Aborto al pronto soccorso, Francesca Re David contro Salvini: “Non posso credere sia stato ministro dell’Interno”

Le ultime dichiarazioni di Matteo Salvini sull’aborto, fatte nel corso della manifestazione leghista di ieri a Roma, stanno provocando sconcerto tra i movimenti femministi, nel mondo politico e sindacale: “Non è compito mio dare lezioni di morale, è giusto che sia la donna a scegliere. Però non puoi arrivare a prendere il pronto soccorso come la soluzione a uno stile di vita incivile per il 2020”, ha detto l’ex ministro dell’Interno parlando dell’afflusso di donne “non italiane” che chiedono, a suo dire, l’interruzione di gravidanza, nei pronto soccorso di Roma. “Ci sono immigrati – ha poi aggiunto – che hanno scambiato i pronto soccorso per un bancomat sanitario per farsi gli affari suoi senza pagare una lira. È ora di smetterla che ci siano migliaia di cittadini non italiani che hanno preso il pronto soccorso come l’anticamera di casa loro. Io dico che la terza volta che ti presenti paghi”.

redavid

Parole che, come era prevedibile, hanno provocato reazioni di sdegno. Tra queste, nella serata di ieri, quella della segretaria nazionale dei metalmeccanici Cgil, Francesca Re David: “Quello che suona ai citofoni e sequestra la gente in mare – ha commentato la numero uno della Fiom – parla di “stili di vita incivili” (delle donne naturalmente ) e di aborto in pronto soccorso. Non ci posso credere che sia stato ministro degli interni e che sia il più amato dagli italiani! Viviamo un’epoca in cui tutto è alla rovescia, ma che cavolo c’è una prateria davanti per rimetterlo almeno un po’ al dritto! E c’è anche movimento. Rimettere in comunicazione diritti civili e diritti sociali, riconnettere le lotte e riprendersi l’ambizione di interpretare un’altra idea del mondo non deve essere un’utopia”.

Fortebraccio News

Un pensiero riguardo “Aborto al pronto soccorso, Francesca Re David contro Salvini: “Non posso credere sia stato ministro dell’Interno”

  1. E’ sempre un bene rintuzzare le pericolose sciocchezze di Salvini, specialmente su problemi come la maternità consapevole, tale è infatti l’argomento della legge 144 erroneamente indicata come legge sull’aborto, o anche su temi come la sicurezza che poco c’entra con la complessità del problema immigrazione. Ma Re David forse dovrebbe occuparsi un poco di più di faccende come ILVA che langue da mesi su chissà quale scrivania e in quale tribunale. Temo che alla fine dei conti si dovrà prendere solo atto di quello che decideranno governo e Mittal. Alla faccia dei silenti sindacati e della martoriata comunità dei lavoratori e della città. Sia degli ambientalisti più o meno sfrenati che dei sostenitori di soluzioni industriali compatibili.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...