“Sono rappresentativo degli umili che provano a vincere le tenebre dell’ignoranza”. Il celebre discorso di Di Vittorio sulla cultura

Dal 9 all’11 gennaio 1953 si svolge a Bologna il secondo congresso nazionale della cultura popolare. Giuseppe Di Vittorio, segretario generale della Cgil, interviene sottolineando la concezione del sapere e della conoscenza come strumento di liberazione delle masse. Il discorso integrale. Amici congressisti - afferma di Vittorio - sono lieto di salutare questo grande congresso, … Continua a leggere “Sono rappresentativo degli umili che provano a vincere le tenebre dell’ignoranza”. Il celebre discorso di Di Vittorio sulla cultura

In memoria dei sei operai uccisi dalla polizia alle Fonderie Riunite di Modena – Ilaria Romeo

Il 9 gennaio 1950 a Modena si protesta contro i licenziamenti ingiustificati alle Fonderie Riunite. Le forze dell’ordine sparano sulla folla provocando la morte di sei lavoratori: Angelo Appiani, ucciso proprio davanti alle Fonderie; Renzo Bersani, colpito a morte lontano dagli scontri mentre cerca di fuggire; Arturo Chiappelli, raggiunto dai proiettili della polizia vicino alla … Continua a leggere In memoria dei sei operai uccisi dalla polizia alle Fonderie Riunite di Modena – Ilaria Romeo

“Buon anno, compagni lavoratori!”, gli auguri (bellissimi) di Giuseppe Di Vittorio – Ilaria Romeo

Buon anno compagni lavoratori!, così il segretario generale della Cgil, Giuseppe Di Vittorio, scriveva il 30 dicembre 1950 su l’Unità. Attraverso le sue parole auguriamo a tutti noi uno splendido 2020. Alla soglia del nuovo anno, la Segreteria della Cgil, invia a voi tutti, compagni ed amici lavoratori d’Italia, il suo saluto augurale e fraterno. … Continua a leggere “Buon anno, compagni lavoratori!”, gli auguri (bellissimi) di Giuseppe Di Vittorio – Ilaria Romeo

“Il lavoratore non è una macchina acquistata dal padrone”, così Giuseppe Di Vittorio propose lo Statuto – Ilaria Romeo

Il 26 novembre 1952 inizia a Napoli il III Congresso nazionale della Cgil che terminerà i lavori il 3 dicembre. Giuseppe Di Vittorio lancia a livello confederale l’idea di uno Statuto dei diritti dei lavoratori. Prendendo la parola nel corso dei lavori del Congresso del Sindacato dei chimici dell’ottobre precedente Di Vittorio formulava, un mese … Continua a leggere “Il lavoratore non è una macchina acquistata dal padrone”, così Giuseppe Di Vittorio propose lo Statuto – Ilaria Romeo

3 novembre ’57: muore a Lecco Giuseppe Di Vittorio – Ilaria Romeo

Da bracciante poverissimo e semianalfabeta nella Puglia dei primi anni del Novecento a fondatore del più grande sindacato dell’Italia democratica, deputato all’Assemblea costituente, esponente di spicco del Pci nel dopoguerra e presidente della Federazione sindacale mondiale. Una vita, quella di Giuseppe Di Vittorio, avventurosa e intensa, che spesso sfiora i confini della leggenda. Se Togliatti è il capo della … Continua a leggere 3 novembre ’57: muore a Lecco Giuseppe Di Vittorio – Ilaria Romeo

“Qualcuno qui mi chiama cafone? Sono onorato”, il mitico discorso di Di Vittorio in Parlamento – Ilaria Romeo

Sui social si sprecano in queste ultime ore i commenti sdegnati di quanti considerano la terza media di Teresa Bellanova, già bracciante e sindacalista, inadeguata al ruolo per cui è stata nominata. Una scena purtroppo già vista, tante volte… Insediandosi in Parlamento diceva Giuseppe Di Vittorio nel 1921: “Onorevoli colleghi, questa mattina qualcuno seduto in … Continua a leggere “Qualcuno qui mi chiama cafone? Sono onorato”, il mitico discorso di Di Vittorio in Parlamento – Ilaria Romeo

Ecco come lo Statuto dei Lavoratori diventò legge – Ilaria Romeo

Il 20 maggio del 1970 la Legge 300, meglio nota come Statuto dei lavoratori, viene pubblicata sulla Gazzetta ufficiale, divenendo a tutti gli effetti legge dello Stato. Affermerà Luciano Lama, segretario generale della Cgil: “Lo Statuto dei diritti è frutto della politica unitaria e delle lotte sindacali: lo strumento non poteva che essere una legge, … Continua a leggere Ecco come lo Statuto dei Lavoratori diventò legge – Ilaria Romeo